bio

Al 46 di Santo Stefano una vetrina baciata dall’aria musicale.
Vestito prêt à porter del quartiere nel ricco centro storico di Bologna.
Tasini Fiorista, figlia d’arte pittorica dirige il garbo coi suoi vasi sbeccati animando senza tregua frasi e il respiro graduale della natura.
Musicista per diletto intreccia la composizione musicale alla materia della bellezza, ispirandosi unicamente alla nota della beltà.

“…Quando entra un bambino la fiorista ferma il tempo e suona per lui, la mamma se ne sta immobile e insieme al pargolo apprende dalla sinuosa pianista il concetto di grazia, il lieve, il moderato, il sottile, il movimento, l’intoccabile e l’importanza dell’attimo dell’effimero”.

da Bologna senza vie di mezzo di Danilo Masotti – Vasco Rialzo. Ed. Pendragon